You are here Home News APPROVVIGIONAMENTO IDRICO-POTABILE: VIA LIBERA AL BY-PASS DELL’ACQUEDOTTO DELL’OFANTO
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

APPROVVIGIONAMENTO IDRICO-POTABILE: VIA LIBERA AL BY-PASS DELL’ACQUEDOTTO DELL’OFANTO

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Comunicazione - Stampa    Martedì 22 Maggio 2018 12:14
Con l’obiettivo di evitare possibili criticità relative a fenomeni franosi tali da pregiudicare l’approvvigionamento idrico-potabile del sistema Puglia-Basilicata-Campania e garantire così condizioni di maggiore sicurezza rispetto all’attualità, nasce il progetto concernente il “By-pass transitorio dell’Acquedotto dell’Ofanto I tratto-II tronco” a cui l’Autorità Idrica Pugliese, a chiusura della conferenza di servizi dalla stessa indetta, ha dato il via libera. 
Redatto da AQP S.p.A. il progetto è volto ad impedire che venga compromessa in loco la funzionalità del vettore idrico primario nel periodo transitorio, necessario per la redazione e l’esecuzione della variante definitiva al tracciato dell’Acquedotto dell’Ofanto interessato dal dissesto idrogeologico e del consolidamento del versante in frana.
L’intervento è inserito nel Piano degli Investimenti 2016-2019, approvato dall’AIP con Deliberazione del Consiglio Direttivo n. 20 del 23.06.2016, per un importo totale del quadro economico pari a € 2.890.000,00.
L’Acquedotto dell’Ofanto è stato concepito come mezzo per fronteggiare l’incremento di domanda idrica della zona della Puglia centrale utilizzando quale fonte principale di alimentazione l’invaso sul fiume Ofanto creato dalla Diga di Conza della Campania.
Il tratto di condotta dell’Acquedotto dell’Ofanto interessato dal dissesto idrogeologico che determina sulla stessa un intollerabile stato di sollecitazione è compreso tra le progressive km 5 +382 e km 6 +425 del I° Lotto – II° Tronco in agro di Melfi (PZ).
L’Acquedotto, inoltre, funge da vettore alternativo/integrativo dell’importante adduttore noto come “Canale Principale” che, alimentato dalle sorgenti del Sele e del Calore, site nella regione Campania, si sviluppa per circa 250 km sino ai comuni più remoti della provincia di Lecce.
Proficua è stata la collaborazione con tutte le amministrazioni e società interessate al fine del rilascio in dei pareri necessari. A conclusione di questa fase Acquedotto Pugliese procederà ai prossimi successivi adempimenti per la fase definitiva di avvio dei lavori.
 
 
 
 
 
 
 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Maggio 2018 08:34