You are here Home News INTERCONNESSIONE COLLEGAMENTO ACQUEDOTTO OFANTO-LOCONE VASCA DI CANOSA: OK CONFERENZA DI SERVIZI
Messaggio
  • "Regolamento UE 679/2016 (GDPR)

    "Per rendere il nostro sito piu' facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione piu' piacevole e piu' efficiente in futuro.I cookie non registrano alcuna informazione personale relativa all'utente e gli eventuali dati identificativi non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie e' necessario personalizzare le impostazioni del proprio dispositivo impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie e' sufficiente continuare con la navigazione.

    Gurda l'Informativa sui Cookie

INTERCONNESSIONE COLLEGAMENTO ACQUEDOTTO OFANTO-LOCONE VASCA DI CANOSA: OK CONFERENZA DI SERVIZI

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Comunicazione - Stampa    Lunedì 27 Marzo 2017 09:55
Con determinazione dirigenziale del 16.03.2017 si è formalmente dichiarata conclusa, con esito positivo, la conferenza di servizi indetta e convocata dall'Autorità Idrica Pugliese in merito al “Progetto di fattibilità tecnica ed economica - Opere di Interconnessione – Acquedotto del Fortore, Locone ed Ofanto – I lotto: Collegamento Acquedotti Ofanto – Locone in corrispondenza della Vasca di Canosa”.
Pertanto è stato autorizzato l’Acquedotto Pugliese S.p.A., Soggetto proponente, all’avvio della stesura del progetto definitivo nel rispetto di tutte le prescrizioni e condizioni espresse, come da verbali della Conferenza di Servizi e relativi allegati. 
Conf. Servizi Interconnessione 1
L’intervento consiste nella realizzazione di una nuova condotta adduttrice in acciaio (DN 1200) per una lunghezza complessiva di circa 18.300 m. nonché nella costruzione di una nuova centrale idroelettrica capace di sfruttare il salto tra il nodo idraulico di Monte Carafa e la vasca di arrivo dell’impianto di potabilizzazione del Locone. In aggiunta il progetto prevede di utilizzare l’esistente premente, che solleva l’acqua potabilizzata nell’impianto del Locone verso il nodo idrico di Monte Carafa, con funzionamento inverso in modo da poter utilizzare la portata dello schema idrico Ofanto-Sele in futuro verso la Puglia Centrale e verso la Capitanata.
 
 
 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Marzo 2017 09:55