You are here Home I Compiti dell'AIP
Messaggio
  • "Regolamento UE 679/2016 (GDPR)

    "Per rendere il nostro sito piu' facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione piu' piacevole e piu' efficiente in futuro.I cookie non registrano alcuna informazione personale relativa all'utente e gli eventuali dati identificativi non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie e' necessario personalizzare le impostazioni del proprio dispositivo impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie e' sufficiente continuare con la navigazione.

    Gurda l'Informativa sui Cookie

I Compiti dell'AIP

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da G.D.    Lunedì 27 Maggio 2013 00:00

All’Autorità sono attribuiti tutte le funzioni e i compiti già assegnati all’Autorità d’ambito per la gestione del servizio idrico integrato della Regione Puglia (ATO Puglia), costituita in applicazione del comma 1 dell’articolo 148 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale) e della legge regionale 26 marzo 2007, n. 8 (Modifiche e integrazioni alla legge regionale 6 settembre 1999, n. 28 -Delimitazione degli ambiti territoriali ottimali e disciplina delle forme e dei modi di cooperazione tra gli enti locali, in attuazione della legge 5 gennaio 1994, n. 36).

In particolare, all’Autorità sono attribuite le seguenti funzioni:

  • l’organizzazione unitaria, nel territorio regionale, del servizio idrico integrato sulla base di criteri di efficienza ed economicità;
  • la determinazione dei livelli e degli standard di qualità e di consumo omogenei e adeguati nell’organizzazione ed erogazione del servizio idrico integrato;
  • la protezione e l’utilizzazione ottimale e compatibile delle risorse idriche destinate ad uso idropotabile;
  • l’unitarietà nel territorio regionale della regolamentazione tariffaria, della qualità delle risorse e del servizio erogato;
  • l’aggiornamento e l’attuazione del programma di investimenti per l’estensione, l’ottimizzazione e la qualificazione dei servizi, favorendo le azioni rivolte al risparmio idrico e al riutilizzo delle acque reflue;
  • l’affidamento della gestione del servizio idrico integrato;
  • l’approvazione del regolamento e della carta del servizio idrico integrato;
  • la ricognizione delle opere riguardanti il servizio idrico integrato, l’approvazione e l’aggiornamento del programma degli interventi del piano finanziario e del modello gestionale e organizzativo;
  • la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in esecuzione e con le modalità di cui agli articoli 154 e 155 del d.lgs. 152/2006;
  • l’attività di controllo e la vigilanza sui servizi di gestione, con particolare riferimento alla verifica dei livelli e degli standard dalla stessa stabiliti sulla base delle indicazioni fornite dal soggetto gestore, nonché del puntuale adempimento agli obblighi da quest’ultimo assunti con la convenzione di affidamento.
Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Maggio 2013 08:48