You are here Home
loadpornmovies.com
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

Benvenuto nel portale AIP

PDF  Stampa  E-mail  Giovedì 19 Ottobre 2017 11:45
L’Autorità Idrica Pugliese ha approvato le rispettive progettazioni “P 1320 Lavori di ampliamento della rete idrica e fognaria” e “P 1352 Lavori di ampliamento della rete idrica e fognaria della frazione Merine” relativamente al comune di Lizzanello.
La prima progettazione ha come obiettivo il completamento della rete idrica e fognante all’interno del centro urbano dell’abitato di Lizzanello. In particolare riguarda la costruzione di tronchi di acquedotto in ghisa sferoidale per un totale di ml. 326. I nuovi tronchi di fognatura nera, previsti in gres ceramico, per un totale di ml. 295.
La seconda progettazione andrà invece a completare la rete idrica e fognante della frazione Merine dell’abitato di Lizzanello. In particolare riguarda la costruzione di tronchi di acquedotto in ghisa sferoidale e nuovi tronchi di fognatura nera previsti, in gres ceramico entrambi, per un totale di ml. 342,50.
Ora AQP potrà proseguire con le attività di appalto e realizzazione delle opere previste di ampliamento del servizio idrico e fognario.

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:37
 
Domani, venerdì 20 ottobre, dalle ore 9 alle ore 15, Legambiente organizza a Firenze, presso il Palazzo Medici Riccardi, un convegno nazionale sul tema: “La depurazione idrica in Italia: da criticità ad opportunità
Una giornata dedicata alla questione depurazione coinvolgendo tutti gli attori in gioco, in un momento pubblico di confronto, in cui verrà fatto il punto sullo stato dell’arte, ma soprattutto saranno segnalate proposte ed esperienze di buone pratiche esistenti con cui già oggi l’associazione è in contatto. 
I ritardi del settore potrebbero essere trasformati in opportunità per riqualificare o costruire ex novo impianti, attivare ricerca e sviluppo di sistemi innovativi di depurazione, dare maggiore diffusione alla depurazione alternativa, incrementare il riutilizzo di acque reflue e materia organica con reinserimento in una catena di valore. Tutti questi elementi possono essere strategici per attivare un nuovo filone dell’economia circolare. 
Legambiente intende affrontare il tema con l’obiettivo prioritario di redigere un quadro delle necessità e delle criticità da affrontare e, al tempo stesso, fornire elementi e proposte concrete per mettere in campo una seria politica di tutela delle risorse idriche su scala nazionale.
Tre le sessioni in programma su “Stato dell’arte e criticità della filiera”, “Il punto di vista dei gestori”, e “Le soluzioni innovative”. Il presidente dell’Autorità Idrica Pugliese Nicola Giorgino interverrà nella prima sessione con un focus sulla situazione della depurazione in Puglia. 
A chiudere i lavori sarà il responsabile scientifico di Legambiente Giorgio Zampetti. 
Legambiente logo
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:47
 
PDF  Stampa  E-mail  Mercoledì 18 Ottobre 2017 08:07

PER IL CONFERIMENTO DELL'INCARICO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CON CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO PIENO E DETERMINATO EX ART. 110, COMMA 1 E S.M.I. DEL TUEL.

E' fissato per il giorno 31/10/2017 alle ore 9.00, presso gli uffici dell'Autorità idrica Pugliese. Il presente avviso ha valore di notifica a tutti gli effetti di legge.

 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Ottobre 2017 08:23
 
PDF  Stampa  E-mail  Mercoledì 04 Ottobre 2017 10:59
Fino al 31 dicembre 2017 i residenti della Regione Puglia e utenti intestatari di una fornitura idrica individuale o condominiale potranno presentare la domanda per accedere ai contributi in merito al “Bonus Idrico Puglia 2017” relativamente ai consumi dell’anno 2016. Una misura – la cui operatività è assicurata da Autorità Idrica Pugliese, Anci Puglia, Regione Puglia e Aqp - destinata alle fasce meno abbienti ed in disagio economico e/o fisico che consiste in un rimborso dei consumi precedenti. 
Il Bonus Idrico si rivolge alle fasce deboli della popolazione che necessitano di maggiori tutele economichecommenta il presidente dell’Autorità Idrica Pugliese Nicola Giorgino –. Uno strumento di protezione sociale frutto dell’impegno congiunto messo in campo da Aip, Anci, Regione Puglia e Aqp volto a conseguire risultati incisivi in favore delle utenze più bisognose”. 
Acqua e servizi sanitari fanno parte dei diritti primari fondamentali che vanno  garantiti in un paese civile. Gli enti localiprosegue il presidente Anci Puglia Domenico Vitto - devono avere attenzione particolare verso le fasce più svantaggiate delle proprie comunità. Importante confermare questa iniziativa di contrasto alla povertà per sostenere concretamente le utenze che versano in condizioni di disagio economico sociale, garantendo loro accesso al servizio idrico a condizioni agevolate”.
Per la presentazione della domanda sono disponibili i seguenti canali: via internet dal sito http://www.bonusidrico.puglia.it/application/; via telefono fisso dal numero verde automatico 800.660.860. Non saranno accolte modalità differenti di presentazione delle domande. Il servizio è sempre disponibile 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. 
Possono presentare la domanda inerente il bonus idrico tutti i cittadini residenti in Puglia che hanno usufruito di un bonus elettrico per una fornitura localizzata nella Regione Puglia nel 2016.  Per poter usufruire dell'agevolazione non devono sussistere situazioni di morosità nel pagamento delle fatture. 
Per presentare la domanda di bonus idrico occorre avere a disposizione: il codice POD della fornitura elettrica, per la quale è stata ottenuta una agevolazione di tariffa elettrica nel 2016; la data di nascita dell'intestatario della fornitura elettrica o, in alternativa, il codice fiscale; il codice cliente ed il numero contratto dell'attuale fornitura idrica AQP. 
Le modalità di accesso al bonus per l’annualità 2017 sui consumi 2016 coinvolgono  le categorie con ISEE uguale o inferiore a 7.500 euro, con ISEE uguale o inferiore a 20.000 euro per famiglie con più di 4 figli a carico e/o con disagio fisico. 
I soggetti beneficiari del Bonus Idrico riceveranno, tramite missiva, l’informazione circa l'avvenuta attribuzione del bonus ed il relativo ammontare che verrà accreditato direttamente in fattura. Sul portale del Bonus Idrico Puglia i cittadini potranno, inoltre, consultare lo stato della domanda inoltrata per verificare l’evoluzione della stessa.
logo AIP formato minianci puglia
 
 
Si è svolta giovedì 28 settembre la prima seduta della conferenza di servizi indetta dall’Autorità Idrica Pugliese sulla progettazione dell’Acquedotto Pugliese in merito alla “Rifunzionalizzazione delle reti fognanti afferenti il canale Picone nel Comune di Bari”.
La progettazione in oggetto, prevedendo l’eliminazione del sollevamento di piazza Diaz, consentirà di conseguire importanti benefici. In primo luogo mettere fuori servizio le due condotte prementi dello stesso impianto, scongiurando il rischio di possibili rotture, sempre incombente. Quindi, da un lato si restituirà, dopo la demolizione dell'esistente manufatto, la piena fruibilità urbana un'area di elevata valenza paesaggistica e dall’altro lato si avrà una nuova funzionalizzazione della rete fognante di Japigia.
Altro obiettivo è l’eliminazione delle cause che, in maggior misura, contribuiscono ai periodici sversamenti a “Pane e Pomodoro” andando così a risolvere una annosa questione al centro di innumerevoli polemiche nei mesi estivi. 
Nelle prossime settimane seguirà una seconda seduta volta ad acquisire tutti i pareri necessari ad una positiva chiusura della conferenza stessa, tra cui il rilascio, a cura del Comune di Bari, dell’autorizzazione paesaggistica, al fine di consentire il successivo coinvolgimento della Soprintendenza per il parere di competenza e quelli degli enti/soggetti gestori dei sottoservizi.
L’Autorità, stante l’importanza dell’argomento al centro della conferenza di servizi, profonderà ogni sforzo affinché la progettazione possa essere vagliata il prima possibile nel rispetto dell’arco temporale dei 90 giorni prefissati ed Aqp possa così procedere alla gara ed all’avvio dei lavori.
bari progetto reti fognanti
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:42
 
PDF  Stampa  E-mail  Martedì 26 Settembre 2017 11:25
Si è concretizzata, come programmato ed annunciato nel mese di agosto, la progettazione dedicata a Morciano di Leuca in merito agli “Interventi di completamento del servizio idrico e fognario” attraverso la chiusura positiva della conferenza di servizi indetta dall’Autorità Idrica Pugliese.
La Regione Puglia, con Delibera di Giunta Regionale n. 764 del 25/05/2016 aveva inserito la progettazione P 1280 “Interventi di completamento del servizio idrico e fognante nel Comune di Morciano (LE) ”, tra quelli del Por Puglia 2014-2020 e, pertanto, ammissibile a finanziamento pubblico.
La progettazione complessiva corrisponde all’esigenza, manifestata dall’Autorità Idrica Pugliese e dalla Regione Puglia-Servizio Risorse Idriche in accordo con l’Amministrazione Comunale coinvolta ed interessata dai lavori, di definizione degli interventi finalizzati al conseguimento dell’incremento dell’indice di copertura del servizio fognario (art. 3 Direttiva 91/271).
Per quanto riguarda la rete idrica complessivamente la progettazione prevede la realizzazione di interventi per 9,9 km, con estendimenti e potenziamenti dell’esistente, sia per garantire il servizio a zone attualmente non servite che per migliorare il funzionamento della rete esistente attraverso la realizzazione di chiusure ad anello e di opere per la regolarizzazione della pressione.
Per la fognatura nera si prevedono interventi per l’abitato di Morciano di Leuca, la frazione di Barbarano e la marina di Torre Vado per complessivi 15 km di rete fognante. La progettazione prevede, inoltre, di implementare le condizioni funzionali e le opere in corso di completamento da parte di Aqp con interventi di risanamento delle reti.
Proficua è stata la collaborazione con tutti gli Enti interessati al fine del rilascio in tempi celeri dei pareri necessari.
 
 
 
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:51
 

E' possibile scaricare il pdf del manifesto relativo alla campagna di comunicazione a cura dell'Autorità Idrica Pugliese in merito al "Bonus Idrico - agevolazione sui consumi 2016". Una misura – la cui operatività è assicurata da Autorità Idrica Pugliese, Anci Puglia, Regione Puglia e Aqp - destinata alle fasce meno abbienti ed in disagio economico e/o fisico che consiste in un rimborso dei consumi precedenti.

manifesto bonus per sito

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Settembre 2017 11:24
 
Grazie a interventi strutturali e di ammodernamento impiantistico, operati nella filiera di processo della depurazione, Acquedotto Pugliese consentirà al territorio servito di beneficiare di un significativo, duplice vantaggio. Da una parte, l’incremento delle potenzialità di trattamento dell’attuale depuratore, in coerenza con le prospettive di sviluppo dell’abitato, dall’altra, non meno significativo, un cospicuo effetto di riduzione degli impatti ambientali.
Da un punto di vista più strettamente tecnico, i lavori hanno prodotto il risultato di aumentare in modo sostanziale la potenzialità dell’impianto, portandola da 19.800 Abitanti Equivalenti (termine tecnico che definisce le quantità di sostanze organiche biodegradabili) agli attuali 23.900 AE (incremento del 20%), con un livello di trattamento dei reflui in linea con quanto previsto dal Decreto Legislativo 152/06.
Il progetto ha previsto l’adeguamento e il potenziamento dell’impianto di depurazione esistente, attraverso una serie di interventi riguardanti la linea acque e parte della linea fanghi oltre alla realizzazione di un sistema di trattamento delle emissioni odorigene.
Pianificato dalla Regione Puglia, l’intervento pari 2,3 mln di euro, rientra tra quelli previsti dal CIPE, nell’ambito del “Fondo per lo sviluppo e la coesione” (FSC), in particolare, interventi nel Settore Depurativo.
All’evento hanno partecipato Annamaria Curcuruto, Assessore regionale ai Lavori Pubblici, Filippo Caracciolo, Assessore all’Ambiente regionale, Nicola Giorgino, Presidente dell’Autorità Idrica Pugliese, il Sindaco di Margherita di Savoia, Paolo Marrano e il Presidente di Acquedotto Pugliese, Nicola De Sanctis.
"Per il servizio idrico – ha dichiarato il Presidente dell’Autorità Idrica Pugliese, Nicola Giorgino - un importante nuovo intervento nel solco di una attività di depurazione efficiente ed a salvaguardia del territorio. Inoltre entro il 2020 proseguiranno i lavori di ultimazione di altri depuratori, relativamente al piano predisposto nel settore depurativo, all'insegna sempre della proficua collaborazione tra Autorità Idrica, Regione Puglia ed Aqp".
“Un altro prezioso tassello nel puzzle delle politiche della Regione Puglia nel campo della depurazione delle acque - ha spiegato l’Assessore regionale alle Opere Pubbliche, Anna Maria Curcuruto. “Una sfida che l’Amministrazione Regionale, insieme ad AQP, AIP, e Amministrazioni Comunali, ha raccolto con la giusta determinazione, nella prospettiva di una piena sostenibilità ambientale delle attività, anche nel rispetto delle legittime aspettative di un territorio, quello di Margherita di Savoia, che nel turismo balneare riconosce una opportunità di crescita".
“Un significativo intervento - ha commentato il Presidente di Acquedotto Pugliese, Nicola De Sanctis - che garantirà ai cittadini un servizio sempre più efficiente e in linea con l’impegno dell’Acquedotto a rispondere positivamente alle reali aspettative del territorio servito. Colgo l’occasione – ha concluso De Sanctis - per ringraziare la Regione Puglia, l’Autorità Idrica Pugliese e l’Amministrazione di Margherita di Savoia per l’impegno e la disponibilità che non ci hanno fatto mai mancare. Questo risultato dimostra ancora una volta che gioco di squadra e condivisione di metodo e strategie sono la strada maestra per il raggiungimento di buoni risultati nell’interesse della collettività”.
 
 
   
 
   
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:53
 
“Acqua: risparmiare si può!”: prende avvio la campagna di Acquedotto Pugliese che promuove un uso corretto e consapevole dell'acqua, finalizzato alla riduzione degli sprechi. Le attuali condizioni di perdurante siccità e la ridotta disponibilità idrica alle fonti, unite ai consumi in crescita, dettati dalle alte temperature e dall'aumento delle presenze turistiche in Puglia, impongono grande attenzione e misure di prevenzione che coinvolgono tutti, l’azienda, le istituzioni, i cittadini.
Dieci semplici regole per un uso responsabile dell’acqua sono il cuore della campagna di informazione ideata da Acquedotto Pugliese, con il Patrocinio dell’Assessorato alle Opere Pubbliche della Regione Puglia e dell’Autorità Idrica Pugliese. Preferire la doccia al bagno, azionare lavatrice e lavastoviglie a pieno carico, lavare i piatti riempiendo il lavello della giusta quantità di acqua, innaffiare le piante di sera, chiudere i rubinetti mentre ci si lava i denti: tutti piccoli, significativi, gesti quotidiani, che possono contribuire a preservare la risorsa in un contesto particolarmente difficile come quello che stiamo attraversando. Comportamenti virtuosi ai quali Acquedotto Pugliese raccomanda di associare la dotazione di un impianto idrico interno efficiente e provvisto di autoclave o booster, per un utilizzo ottimale del servizio.
Acquedotto Pugliese invita, altresì, i Sindaci a farsi parte attiva, emanando ordinanze specifiche sul contenimento dei consumi e contribuendo alla diffusione della campagna con l’affissione di manifesti messi a disposizione dall’azienda idrica.
Anche i cittadini, oltre ad offrire il proprio contributo attraverso comportamenti virtuosi, possono collaborare attivamente alla campagna inviando a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. propri suggerimenti su come risparmiare l’acqua. AQP li diffonderà su facebook, twitter e google+.
campagna risparmio risorse idriche
La ridotta disponibilità di acqua dalle sorgenti storiche di Caposele e Cassano Irpino (30% in meno rispetto alla media del periodo) e dagli invasi (175 milioni di mc in meno invasati rispetto allo scorso anno) impongono grande attenzione. La stessa Regione Puglia, nei giorni scori, ha emesso un decreto per l’emergenza idrica disponendo il divieto di utilizzare l’acqua potabile per usi impropri. L’azienda ha attivato per tempo un piano di attività, grazie al quale sono stati recuperati 58 milioni di mc di risorsa (pari alla capacità di una diga di medie dimensioni), che allo stato attuale consente di offrire il servizio senza significative criticità.
“È davvero opportuna l’iniziativa dell’AQP di sensibilizzare la popolazione pugliese all’uso razionale e intelligente dell’acqua - ha commentato l’Assessore regionale ai Lavori Pubblici, Annamaria Curcuruto. Efficace ed immediata anche la comunicazione attraverso un decalogo realizzato con immagini adatte a tutte le età. Anche i più piccoli in casa, infatti, faranno la loro parte. Le ordinanze anti spreco da sole non bastano. È necessaria un’azione anche culturale perché tutti riflettano sulle proprie abitudini e agiscano sui comportamenti. Oltre al beneficio economico, questa volta l’obiettivo è di risparmiare una risorsa ancora più preziosa del denaro, l’acqua, soprattutto in questo particolare momento di scarsità”.
“Per rendere disponibile l’acqua ai cittadini – ricorda il Presidente di AQP, Nicola De Sanctis – dobbiamo prelevarla da altre regioni, potabilizzarla attraverso processi industriali raffinati ed onerosi e trasportarla per migliaia di chilometri, fino a raggiungere l’utente finale. Un bene, dunque, tanto prezioso quanto delicato e fragile che necessita di essere preservato e protetto da ogni singolo cittadino. Quindi, è nel senso di responsabilità di tutti (delle istituzioni, dei gestori, degli agricoltori per gli usi irrigui, delle industrie e dei semplici cittadini) adempiere a tale compito, soprattutto in questo momento particolarmente delicato”.
"Ognuno deve fare la sua parte, nessuno escluso – ha commentato il Presidente dell’AIP, Nicola Giorgino - ed ogni piccolo gesto risulta utile allo scopo. Occorre una maggiore cura nei gesti quotidiani che riteniamo banali e scontati ma che non lo sono. Risparmiare si può e soprattutto si deve: stante le attuali condizioni generali nazionali ed una più ridotta disponibilità idrica alle fonti, tutti i cittadini devono sentirsi responsabili attuando le misure indicate nelle dieci semplici regole di questa campagna comunicativa. Il risparmio idrico e l'attenzione a politiche più corrette e sane in ogni nostro piccolo e grande gesto passano dalla quotidianità negli aspetti apparentemente più comuni e dimessi. Non dimentichiamolo mai".
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:53
 
PDF  Stampa  E-mail  Mercoledì 02 Agosto 2017 12:25
Martedì 1° agosto sono state inaugurate le opere realizzate per il potenziamento dell'impianto di depurazione di Barletta. Erano presenti Michele Emiliano Presidente della Regione Puglia, Nicola De Sanctis Presidente di Acquedotto Pugliese, Filippo Caracciolo assessore regionale all’Ambiente, Annamaria Curcuruto assessore regionale ai Lavori Pubblici, Pasquale Cascella sindaco di Barletta, Nicola Giorgino presidente dell’Autorità Idrica Pugliese, Vito Bruno direttore generale di Arpa Puglia e Ninni Borzillo commissario dei Consorzi di Bonifica.
Grazie a interventi strutturali e di ammodernamento impiantistico, operati nella filiera di processo della depurazione, il territorio servito avrà un significativo, duplice vantaggio. Da una parte, l’incremento delle potenzialità di trattamento dell’attuale depuratore, in coerenza con le prospettive di sviluppo dell’abitato, dall’altra, non meno significativo, un cospicuo effetto di riduzione degli impatti ambientali.
Da un punto di vista più strettamente tecnico, i lavori hanno prodotto il risultato di aumentare in modo sostanziale la potenzialità dell’impianto, portandola da 92.305 Abitanti Equivalenti (termine tecnico che definisce le quantità di sostanze organiche biodegradabili) agli attuali 129.356 AE, con un livello di trattamento dei reflui in linea con quanto previsto dal Decreto Legislativo 152/06.
Il progetto ha previsto interventi di potenziamento sia nella linea delle acque sia in quella dei fanghi: nuovo digestore anaerobico per il trattamento e la stabilizzazione biologica dei fanghi, demolizione e ricostruzione della centrale termica per il riscaldamento dei fanghi, revamping della stazione di accumulo biogas (gasometro) prodotto dalla digestione anaerobica dei fanghi, nuovo comparto di grigliatura, raddoppio della stazione di produzione aria per il comparto biologico.
Pianificato dalla Regione Puglia, l’intervento pari 2,5 mln di euro, rientra tra quelli previsti dal CIPE, nell’ambito del “Fondo per lo sviluppo e la coesione” (FSC), in particolare, interventi nel Settore Depurativo.
Oltre ai lavori di potenziamento del depuratore, sono stati eseguiti interventi di manutenzione straordinaria della condotta sottomarina per lo scarico dei reflui e del relativo impianto di spinta, per un importo pari a 600.000 euro.
Da sottolineare, infine, che per l’impianto di depurazione di Barletta sono previste nuove ed ulteriori opere, finalizzate al riuso in agricoltura delle acque reflue urbane. Prevista pure una sperimentazione per il riutilizzo dei fanghi provenienti dalla depurazione, dopo aver subito il trattamento di digestione anaerobica e disidratazione, saranno sottoposti ad un ulteriore trattamento per la formazione di fertilizzante correttivo, estremamente utile per il miglioramento dei suoli agricoli.

 
   
Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre 2017 14:52
 
Pagina 1 di 4